Claudio Prigioni, laureatosi in Scienze Biologiche nel 1974, è ricercatore confermato presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università degli Studi di Pavia e svolge la sua attività presso il Dipartimento di Biologia Animale della stessa Università. E' titolare degli insegnamenti di Zoogeografia (Classe delle Lauree n. 12), Analisi e Gestione degli Ecosistemi (Laurea specialistica in Biologia Sperimentale e Applicata, Classe n. 6/S) e Laboratorio di Pianificazione territoriale (Laurea Specialistica in Scienze della Natura). In aggiunta è docente della Scuola Interuniversitaria Lombarda di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario (S.I.L.S.I.S.) per gli insegnamenti di: Laboratorio di Scienze per il Sostegno, Laboratorio di Tecnologie Informatiche per la Didattica delle Scienze (Classe 59) e Complementi di Biologia generale.

È membro del "Gruppo Specialistico Lontra" (Otter Specialist Group) dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura e delle sue Risorse (I.U.C.N.).

 

 

Autore di oltre 150 pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali, la sua attività di ricerca interessa i seguenti settori di indagine:

  1. ecologia comportamentale di uccelli e di mammiferi con particolare riferimento ai fattori influenzanti distribuzione, dinamica di popolazione, selezione di habitat e comportamento alimentare. Questa linea di ricerca è attualmente incentrata sui mammiferi carnivori con particolare riguardo alla Lontra ed ad altri Mustelidi.
  2. valutazione della qualità ecologica di vari ambienti, da quelli fluviali e costieri a quelli alpini, mediante indici sintetici e indicatori chiave riferiti a specie vertebrate; conservazione della biodiversità e delle specie rare e minacciate; valutazione del livello di accumulo di pesticidi e metalli pesanti nelle catene trofiche.
  3. pianificazione territoriale, gestione delle risorse naturali, progettazione di riserve naturali e parchi, rinaturazione e riqualificazione ambientale attraverso interventi di ripristino e mitigazione dell'impatto prodotto da opere e strutture sull'ambiente naturale.
  4. impatto della fauna selvatica sull’economia agricola con particolare riferimento alle metodiche di accertamento e di prevenzione dei danni causati da varie specie (es. Nutria, Cinghiale, Corvidi, Colombo di città).

 

 

Sunday the 19th. Webmaster: Luigi Ranghetti | Cookie policy | Template by FreshJoomlaTemplates.com